DESIGN ESCLUSIVO

DA SEMPRE PASSIONE PER IL BENESSERE IN CUCINA.

KITCHEN DESIGN FOR HUMAN WELLBEING.

Design è un termine che significa, ad un tempo, “disegno” e “progetto”. E per Snaidero, infatti, fare design significa assumersi la responsabilità di tratteggiare, prima, e di sviluppare, poi, un pensiero compiuto ed armonico sul mondo.

Con un atteggiamento dinamico e di piena consapevolezza culturale, capace anche di investire l’intero processo delle attività aziendali: la produzione, come la distribuzione delle risorse ed il rapporto con il Cliente.

C’è in questo un’aspirazione concreta a contribuire a creare un equilibrio capace di coinvolgere entrambi i soggetti, il produttore ed il consumatore. Entrambi intesi, però, sotto l’unica accezione a parere di Snaidero oggi possibile, quella di essere umano, ora più che mai al centro di ogni prospettiva concettuale e progettuale.

Abbiamo cominciato, infatti, progettando prodotti responsabili e poi abbiamo continuato progettando processi responsabili.

Ora è possibile – e quindi è necessario – contribuire a progettare comportamenti individuali responsabili. I nostri ed i vostri, in piena relazione e secondo le diverse attitudini.

50 years of

Italian Design

1968
virgilio-forchiassin
Spazio vivo
Virgilio Forchiassin Design

L’ITALIA
SCOPRE LA CUCINA COMPONIBILE, SNAIDERO VOLA AL MOMA
DI NEW YORK.

design-taglio-sito3
1973
angelo-mangiarotti_1
La Sede Snaidero
Angelo Mangiarotti Design

RADICI E VISIONE

philosophy-taglio-sito5
1986
Tempo
Michele Sbrogiò Design

“IL DESIGN DOVREBBE STARE UN PO’ DIETRO
ALL’OGGETTO, DIETRO AL SUO RISULTATO, PER
ASSICURARSI UNA VITA MOLTO PIÙ LUNGA.”

1990
moodwall_design6
Ola
Pininfarina Design

INIZIA LA COLLABORAZIONE FRA SNAIDERO E PININFARINA: COME OBIETTIVO, IL FUTURO

ola_1990
1993
gae_aulenti
Etra
Gae Aulenti Design

“L’ARCHITETTURA DEVE DARE DELLE INDICAZIONI CHE POSSONO VALERE ANCHE PER GLI
ALTRI, CHE DEVONO SERVIRE AGLI ALTRI PER APPRENDERE ALTRE COSE, COME UNA SPECIE DI
INSEGNAMENTO DI VOLONTÀ POSITIVA.”

design-taglio-sito4
2000
moodwall_design6
Idea
Pininfarina Design

UN’ICONA SENZA TEMPO CON STILE E PERSONALITÀ

cucine-moderne-idea-snaidero
2003
moodwall_design6
Acropolis
Pininfarina Design

UTILIZZO FUNZIONALE DELLO SPAZIO. IL CENTRO DELLA VITA QUOTIDIANA.

acropolis3
2004
lucci_orlandini
Skyline
Lucci & Orlandini Design

UNIVERSAL DESIGN. PROGETTARE SPAZI PRIVI DI COMPLESSITÀ, IL PRODOTTO SI ADATTA AL SINGOLO UTENTE.

skyline_02
2006
moodwall_design6
Venus
Pininfarina Design

L’IDEA DI BELLEZZA

venus_by_pininfarina
2010
moodwall_design6
Ola20
Pininfarina Design

LA SOSTANZA DELLA FORMA. ELEGANZA SEMPLICE

ola_20_by_pininfarina
2013
pietro_arosio
Board
Pietro Arosio Design

LA RISPOSTA INDUSTRIALE AD UN’EVOLUZIONE DELL’EDILIZIA ABITATIVA CONTEMPORANEA

board_by_pietroarosio_design
2018
moodwall_design6
Vision
Pininfarina Design

DEDICATA A QUANTI AMANO UNA DEFINIZIONE SARTORIALE DELL’AMBIENTE CUCINA ALL’INSEGNA DELL’INNOVAZIONE E DELL’ELEGANZA.

vision

PAOLO PININFARINA

Creatività e innovazione tecnica, emozione e rigore funzionale. Assi della prestigiosa e fortunata partnership tra Snaidero e Pininfarina. Una storia di oltre vent’anni in cui la ricerca tecnologica più avanzata si è confrontata con la dimensione estetica peculiare e complessa dell’ambiente cucina.

MASSIMO IOSA GHINI

Snaidero inizia a collaborare con l’architetto Massimo Iosa Ghini nel 2000, per la sua peculiarità di stile e di segno. Un approccio al design contraddistinto da progetti spesso ispirati alla tradizione e, nello stesso tempo, pienamente contemporanei per la loro caratteristiche di dinamicità.

ANDREUCCI & HOISL

La collaborazione con Andreucci & Hoisl inizia nel 2016 con il progetto Passepartout. Obiettivo: rivoluzione da dentro. Il progetto segue una logica sottile, non immediatamente visibile ma profonda e completa.

MICHELE MARCON

La sua opera si basa sulle proprie conoscenze tecniche e sulle esperienze maturate, al fine di ottenere dei prodotti riproducibili, tecnicamente realizzabili, stilisticamente affascinanti, non snaturando bensì acquisendo il bagaglio linguistico di Snaidero.

LUCCI E ORLANDINI

Due architetti accomunati da un chiaro orientamento: un progetto, perché abbia senso, deve possedere una forte idea di base.  Ed ancora meglio se essa comprende più aspetti: funzionali, estetici o produttivi. Da questa visione nascono alcuni dei progetti più rappresentativi della storia di Snaidero.

PIETRO
AROSIO

La collaborazione con Andreucci & Hoisl inizia nel 2016 con il progetto Passepartout. Obiettivo: rivoluzione da dentro. Il progetto segue una logica sottile, non immediatamente visibile ma profonda e completa.

GAE
AULENTI

Nel 1993 Gae Aulenti progetta per Snaidero Etra, un innovativo progetto nel quale esprime appieno il suo modo peculiare di intendere il design. Concepire forme pure, semplici ed elementari che, slegate da mode effimere ed ininfluenti, risultino alla fine durature e convincenti.

VIRGILIO FORCHIASSIN

È l’architetto Virgilio Forchiassin ad inaugurare la fortunata e consolidata collaborazione fra Snaidero e le prestigiose firme italiane del design. Un inizio tra i più brillanti, visto che la cucina “Spazio Vivo”, da lui disegnata, viene selezionata dal MoMa di New York per la sua collezione.

ANGELO MANGIAROTTI

Può l’architettura di una sede aziendale rappresentare una finestra verso il futuro? Sì, se possiede le caratteristiche volute da Angelo Mangiarotti per quella di Snaidero. Perfetta sintonia fra stile armonico e coraggiosa innovazione tecnica, essa interpreta pienamente la filosofia aziendale.

ICONE SNAIDERO

Progetti d’autore, icone di stile e di esclusività. Il segno dei grandi maestri italiani del design industriale.